Periti Agrari Umbria

La struttura organizzativa della nostra associazione con l'elenco dei membri del consiglio

Elenco completo degli iscritti all'albo con schede dettagliate consultabili online

Ultime News

Bando Filiera Tartufo - Proroga dei termini per la presentazione delle domande di sostegno

Come ricevuto dal Servizio Regionale si informa che con D.D. n. 12085 del 21/12/2022, che verrà pubblicata nel BUR del 23/11/2022, è stata posticipata...

PSR Umbria 2014/2020 - Misura 6.1.1 Premio Insediamento Giovani agricoltori- Bando EURI - Procedure per il rilascio delle domande di sostegno

Come ricevuto dal Servizio Regionale, si pubblica comunicazione per i Responsabili dei Fascicoli di domanda: "Al fine di dare chiarezza e trasparenza...

OCM Vino - Proroga termine presentazione domande di aiuto della misura investimenti - annualità 2022/2023 - e consegna domande Regione

Come ricevuto dal Servizio Regionale si informa che la determinazione dirigenziale n. 11979 del 17.11.2022 di prossima pubblicazione nel B.U.R. e sul ...

Convenzione per corsi e-learning anno 2022

Si ricorda agli iscritti che è ancora attiva per l’anno 2022 la convenzione che il Collegio ha sottoscritto con l’azienda Beta Formazione Srl per la p...

Storia

Con l'emanazione del Regio Decreto 2365/29, relativo al Regolamento dell'esercizio della professione di Perito Agrario, viene istituita la figura professionale del perito agrario. L'attività dei Periti Agrari in Umbria risale alla costituzione del Collegio, avvenuta il 29 luglio 1931, con l'ammissione, da parte del Tribunale di Perugia di n. 10 iscritti.

Agli inizi i periti agrari si configurarono essenzialmente come amministratori d'aziende agrarie molto richiesti nell'Italia centrale da medie e grandi aziende agrarie, di proprietà di enti pubblici e nobili famiglie. Solo alcuni si dedicavano a lavori di stima di fondi rustici, dei tabacchi, danni da calamità naturali, lavori catastali e topografici, miglioramenti fondiari, divisioni patrimoniali, usi civici, lavori di stima e inventari di consegna nei trapassi colonici, abbinando queste attività all'amministrazione di piccole proprietà.

Nel dopoguerra alcuni periti agrari iniziano a creare veri studi tecnici interessandosi, oltre alle attività sopra menzionate, anche a lavori di costruzione (non solo agrarie). In seguito la professione è stata regolarizzata con l'approvazione del nuovo ordinamento professionale (Legge 464/68). La sede del Collegio dei Periti Agrari è in Borgo XX Giugno 74 dal mese di gennaio dell'anno 1985.



Consiglio
Copyright © 2017